Statistiche

  • Interventi (1332)
  • Commenti (0)
mercoledì 8 marzo 2017 11:30:00

Non crediamo di essere smentiti se affermiamo che Riccardo Baracchi è l’anima enologica dell’Azienda Agricola Baracchi, in quello spicchio dell’etrusca Cortona che nell’essenza del suo proverbio lascia emergere e luccicare i segni d’antiche nobili vestigie: “Cortona, mamma di Troia e nonna di Roma”.

Riccardo Baracchi è sembrato essersi ispirato al binomio mamma-nonna per elaborare un sangiovese che uscisse dai binari enologici del puro toscano in tinta rossa e fruttata per figliare un nuovo non familiare. Ce n’è voluto del coraggio (ma anche audace ingegnosità) per dedicare oltre dodici anni allo studio di come maritare C02 e sangiovese, e chissà quanti nel contado (e non solo) hanno trattenuto sorrisetti indispettiti. Afferma che iniziò a sperimentare nel 1997 e i progressi sono stati lenti ma costanti.

Eppure oggi quel sangiovese sparkling c’è in tutta la sua fierezza enoica. Un prodotto non lontano dalla straordinarietà, pensato e calato in una tipologia produttiva che non vede la toscanità primeggiare.

È un metodo classico, classicamente rosato, da succo di puro sangiovese e ha tinta rosa luccicante come corallo. Fragrante a tal punto da esplodere in un tripudio di frutti rossicci, dal melograno al lampone, di fondersi nei fiori bianchi e di sciogliersi con un tocco di ginger e di chinotto. Ha freschezza di mandarancio e pesca noce, ben energizzata da una bollicina con gas sottile, per un impatto che spreme in sé tutto il senso della propria maturità dovuta al giusto momento evolutivo; nel finale si lascia recuperare da una tonica sponda calorica che chiama un servizio al bicchiere ben ghiacciato. Un’esperienza degustativa con Baracchi Brut Rosé Metodo Classico è immancabile, anzi ne auspichiamo soprattutto un impiego gastronomico per via della sua versatilità: dalla pizza al prosciutto alla pasta al pomodoro fresco, dal guazzetto mediterraneo di pesce alla cotoletta alla milanese, in un tripudio di equilibrio di sapori e aromi che faranno gioire il corpo e la mente. Come dire: artigliato all’eccellenza.

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)