Statistiche

  • Interventi (1339)
  • Commenti (0)

Archivi

martedì 19 settembre 2017 11:15:00

La distanza dal confine italiano è minima, appena 20 km, però l’aria che si respira, enologicamente parlando, non ha più un’attinenza italica. La cittadina, anzi il villaggio, quasi 400 abitanti, vive la quotidianità coltivando i campi e in quei campi il vigneto sta diventando il fiore all’occhiello. Il suo nome è Podnanos, ovvero San Vito di Vipacco.

Fu anche territorio italiano dopo la prima guerra mondiale e durante il periodo mussoliniano fu messa in atto una politica di colonizzazione ampelografica che favorì l’introduzione delle cultivar piemontesi, barbera in primis. I risultati di quelle cultivar furono poco positivi e quell’onda lunga che s’è generata da quel periodo fa sentire ancora un effetto che contrae lo sviluppo qualitativo.

Siamo nell’alta Valle del Vipacco, qui scorrono due corsi d’acqua, il Močilnik (Rio del Macile) e il Pasji Rep (Rio Codacane). Quest’ultimo dà il nome all’azienda di cui abbiamo degustato il Pinot nero. I vigneti aziendali si trovano in una condizione molto favorevole per ospitare il prezioso vitigno borgognone, infatti il monte Nanos (1.200 m) li protegge dal vento e la posizione ovest dà ottima esposizione.

Il vigneto coltivato a pinot nero dell’azienda Pasji Rep è posizionato in alto, ai confini del bosco, è alquanto ripido e beneficia di ottima escursione, il sottosuolo è dominato dal calcare.

L’annata 2104 del Pinot Noir Vipavska dolina dell’azienda Pasji Rep di Podnanos tinge il calice di un rubino brillantissimo, ha profumo sfrontatamente fruttato, ribes rosso, ciliegia, fragolina di bosco; ha un floreale boschivo di viola di macchia e chiude con spezie dolci. Il palato si essenzializza in una liquidità agile, con tono fresco e mediamente tannico, ben succoso nel fruttato, delicatamente sapido e alcol (13% vol.) ben bilanciato, con finale dalla classicità Haute Côte di “fruit à noyau” e pepe in grani. Servito a 14 °C acquista una golosità di beva straordinaria.

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)