Statistiche

  • Interventi (1340)
  • Commenti (0)

Archivi

mercoledì 4 ottobre 2017 12:00:00

Sarà nuovamente il The Mall, a Milano, a ospitare la presentazione  della Guida dell’Associazione Italiana Sommelier.

Sabato 21 ottobre, attesa come ogni autunno, torna la Guida Vitae. Seguendo un percorso editoriale in continua evoluzione, quest’anno la forza evocativa è suggellata dalla liaison cromatica del bianco e del nero: codici espressivi del chiaroscuro immortalano immagini di una quotidianità, ora ordinaria ora celebrativa, dalla spiccata tensione narrativa.

Questa quarta edizione sottolinea il grande lavoro sotteso a ogni bottiglia, a ogni calice, a ogni sorso dei moltissimi vini raccontati all’interno del volume. Si tratta di un’opera di selezione che ha messo sotto la lente di ingrandimento circa 30.000 vini, tutti degustati rigorosamente alla cieca.

I numeri sono sempre altissimi: più di 15.000 le referenze selezionate e 2.500 le aziende recensite.

“Il settore vitivinicolo si dimostra sempre più sensibile nei confronti della sostenibilità ambientale. È un tema coinvolgente e di grande attualità”, dichiara il Presidente Nazionale Antonello Maietta. “Anche quest’anno nella scansione delle pagine appare nitido l’orientamento sempre più green del vino italiano, non più legato a calcoli di marketing o di comunicazione, come poteva accadere in passato, ma attuato come scelta responsabile. A noi dell’AIS la questione sta particolarmente a cuore e mettiamo in campo tutte le nostre energie, anche attraverso la guida, per affrontarlo e comunicarlo.”

Nel corso della giornata, alla presenza del Presidente Maietta e dei vertici istituzionali, si terrà la cerimonia di premiazione dei 22 produttori insigniti dell’ambito “Tastevin AIS”, sigillo che certifica il vino più rappresentativo della regione di appartenenza. Saranno inoltre celebrate le oltre 500 etichette che hanno meritato il punteggio massimo, le “Quattro Viti”.

Dato l’apprezzamento ottenuto, tornano i simboli introdotti lo scorso anno: la Freccia di Cupido, a simboleggiare quell’emozione che alcuni vini sanno suscitare al primo sorso, e il Salvadanaio, che identifica una spiccata qualità in rapporto alla tipologia e al territorio, con un occhio attento al prezzo di vendita.

Il volume cartaceo sarà nuovamente replicato in versione digitale, disponibile negli e-store, che completerà il corredo di strumenti a disposizione dei soci AIS e degli appassionati.

Ufficio Stampa AIS

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)