Statistiche

  • Interventi (1663)
  • Commenti (0)

Archivi

martedì 2 novembre 2021 16:30:00

Inizia la settima edizione del Master Universitario di I livello “Vini italiani, mercati mondiali”, il corso di alta formazione promosso dagli atenei della Toscana (in particolare da Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, in maniera congiunta con Università di Pisa, Università per Stranieri di Siena, Università di Siena, in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier) per formare i professionisti delle strategie di marketing e comunicazione internazionale del vino italiano. La lezione di apertura è in programma giovedì 4 novembre con inizio alle ore 15.00, nell’aula magna della Scuola Superiore Sant’Anna, a Pisa. L’evento si tiene in presenza nel rispetto delle disposizioni contro il Covid-19.

In agenda sono previsti i saluti istituzionali delle e dei rappresentanti di Scuola Superiore Sant’Anna, Università di Pisa, Università di Siena, Università per Stranieri di Siena e Associazione Italiana Sommelier. Con il coordinamento del direttore del master, prof. Pietro Tonutti, seguono gli interventi di Stefano Cinelli Colombini, vicepresidente del Consorzio del Brunello di Montalcino, proprietario della Fattoria di Barbi (“Una prima analisi del mercato del Brunello di Montalcino, e del vino toscano, dopo il Covid-19”) e di Giulia Pussini, responsabile della promozione internazionale del Consorzio di tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg (“La strategia di promozione internazionale di una storica Denominazione italiana”). A seguire, alle ore 17.00, l’avvio delle attività didattiche.

La partecipazione degli atenei rafforza la qualità e l’ampiezza della proposta formativa e conferma l’interesse delle istituzioni universitarie toscane verso il percorso professionale del Master, focalizzato sulle produzioni enologiche nazionali. Il successo del corso è confermato dal trend di inserimento nel mondo del lavoro di chi ha conseguito il titolo nelle precedenti edizioni. 

Il master forma una figura professionale che, grazie alle conoscenze dei principi della produzione vitivinicola, dei meccanismi e strumenti della comunicazione e marketing, è in grado di contribuire alla diffusione della conoscenza dei vini italiani all’estero, alla loro promozione e affermazione sui mercati mondiali, considerando sia quelli consolidati (Stati Uniti, Germania, Regno Unito) sia quelli in espansione (Cina, Corea, Russia, Brasile, America Latina), con una particolare attenzione su territori “emergenti” come India, Africa e Sud-est asiatico. Ulteriori conoscenze sulle tecniche di degustazione sviluppate durante le attività didattiche sono garantite dall’acquisizione del diploma di sommelier AIS durante il corso.

Ufficio Stampa Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)