Statistiche

  • Interventi (1563)
  • Commenti (0)

Archivi

lunedì 10 ottobre 2011 18:50:00

Dal 25 al 28 settembre si è svolto in Nuova Zelanda il Nelson’s First XV Wine Competition, concorso enologico internazionale, riservato a Nuova Zelanda, Italia e Stati Uniti.
Il concorso enologico ha avuto un grande eco sia in Nuova Zelanda che all’estero. Parte del successo è da attribuire al fatto che ha coinciso con la partita della Rugby World Cup 2010 tra Italia e Stati Uniti.
La competizione, riservata a Pinot grigio, Riesling e Gewurztraminer, ha visto come presidente di giuria Ralph Kyte-Powell, giornalista enogastronomico australiano, coautore per molti anni Penguin Good Australian Wine Guide. Tra i giurati erano presenti anche l’americana Leslie Sbrocco, giornalista e scrittrice del settore enologico, il neozelandese Sam Kim, giudice e giornalista enologico, e l’italiano Riccardo Castaldi, agronomo, enologo, sommelier AIS e conoscitore della vitivinicoltura neozelandese.
Riccardo Castaldi ha curato personalmente la selezione dei vini italiani partecipanti. Le etichette italiane provenivano da Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. I vini statunitensi provenivano da California, Oregon, Washington e New York.
Sono stati premiati i primi 5 classificati di ciascun vitigno, in totale 15 premi.
Grande successo per i vini italiani, che hanno raccolto 6 affermazioni:

Pinot grigio

3° classificato - Grave DOC 2010 di Plozner

Riesling

5° classificato - Aristos 2010 della Cantina Produttori Valle Isarco

Gewurztraminer

1° classificato: Nussbaumer 2009 della Cantina di Termeno

2° classificato: Kolbenof 2010 di J. Hofstätter di Termeno

3° classificato: Sanct Valentin 2010 della Cantina San Michele Appiano

4° classificato: Brenntal 2009 della Cantina Produttori di Cortaccia

Al concorso enologico ha fatto seguito una degustazione guidata, a cui hanno presenziato giornalisti, enologi e appassionati, in cui i giudici internazionali hanno commentato i vini in concorso e motivato le proprie scelte.
Nelle varie categorie hanno prevalso vini con buona riconoscibilità, fruttati, eleganti, con elevata bevibilità, a basso residuo zuccherino e abbinabili.

 

Per ulteriori informazioni

www.wineart.co.nz

http://firstxv.wineart.co.nz/media

http://firstxv.wineart.co.nz/winners

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)