Statistiche

  • Interventi (1604)
  • Commenti (0)

Archivi

martedì 3 dicembre 2019 09:00:00

Chi è il nuovo presidente di Solidus

È Francesco Guidugli, membro di ADA, il nuovo presidente del forum delle otto associazioni di categoria per il prossimo triennio. Originario di La Spezia, classe 1957, a quindici anni, con una stagione in riviera, ha iniziato la sua esperienza lavorativa negli alberghi. Già a sedici anni è entrato una prima volta in Jolly Hotels, dove ha iniziato la sua carriera ed esperienze in città come Milano, Torino e New York. Dal 1993 direttore dei Jolly Hotels di Siracusa, Catania, Ravenna, Genova e dal 2008 per NH Hotel Group a Milano sino al 2018. Negli anni è stato chiamato a ricoprire incarichi come Vice Presidente del Settore Turismo a Catania e a Genova, e anche Probiviro, per Confindustria. In ADA è stato Presidente Regionale in Liguria, Vice Presidente Regionale in Lombardia e Vice Presidente Nazionale Vicario dal 2009 al 2014. Maestro del Lavoro (2009) ed Ufficiale al Merito della Repubblica (2012), è stato riconosciuto Professionista dell’anno ADA da Solidus nel 2009.

Digitale, istituzioni, formazione e territorio

È necessario rafforzare la visibilità della confederazione, intensificare l’impegno su formazione e aggiornamento, individuare, condividere e sostenere tematiche che riguardano territori e professionalità in sofferenza, stabilire contatti “governativi” nazionali e locali, implementare la collaborazione tra le associazioni e alimentare il sito web e le sponsorizzazioni. Questo, in sintesi il programma con cui Guidugli ha convinto i membri del forum a concedergli la fiducia.

Le prime dichiarazioni

Guidugli succede a Carlo Romito, direttore generale di Settimopero e alla guida di Solidus dal 2013. “Il prossimo presidente” – ha dichiarato Romito – “avrà a disposizione sin da subito ciò che il gruppo di lavoro nazionale ha messo in piedi, aprendosi a nuovi contributi che arricchiranno sicuramente Solidus. Inoltre, potrà avvalersi dei coordinamenti regionali e di attività consolidate delle otto associazioni e dei 57600 soci, che sono il nostro vero grande patrimonio. A loro il mio saluto finale come presidente.

"Il mio principale obiettivo - ha detto il nuovo eletto - sarà unire ancora di più le associazioni che compongono Solidus e rendere la nostra confederazione un punto di riferimento per il turismo e l’ospitalità nel nostro Paese, anche e soprattutto attraverso i progetti per l’alta formazione che continuerò a curare ed incentivare. Sono certo di poter contare sulla collaborazione fattiva e stimolante di tutti gli organi che insieme a me lavoreranno per far sentire tutti gli associati orgogliosi di far parte di Solidus"

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)