Statistiche

  • Interventi (1587)
  • Commenti (0)

Archivi

mercoledì 25 maggio 2016 11:00:00

Ne è passato del tempo da quando la Linguadoca era patria dell’Aramon, uno straordinario vitigno se si voleva concentrare il lavoro sulla quantità, tanto che la resa di 400 hl/ha non era impossibile. Era anche resistente alla fillossera e all’oidio: un mastino in vigna!

Oggi la viticoltura del Midi è tutta intrisa di colpi di fioretto enologici, come questo Chouette Blanche 2013, un Languedoc AOC creato da Mas Foulaquier nel villaggio di Claret, giusto a due passi da Pic Saint-Loup.

Il vino è un mix, non dichiarato nelle dosi, di rolle (vermentino), bourboulenc, grenache blanc e clairette. Le uve, così come nascono, giungono in cantina protette dalla naturalità biodinamica dei vigneti sistemati su terreni vecchi di 130 milioni di anni, stratificati in argilla e calcare,  illuminati e scaldati da una irradiazione mediterranea.

Ne esce un vino sostenuto cromaticamente da una tinta dorata non molto intensa, però brillante. Il profumo è ben espresso nei toni dei fiori gialli (ginestra, mimosa), nella frutta sapida (pesca gialla e mango), ha spunto erbaceo (paglia) e ritmica aromatica (d’erbe mediterranee). Il vino è stato vinificato in barrique (non nuove), e l’apporto di quel contatto è più sulla sapidità e sulla morbidezza che nella parte olfattiva.

C’è della sostanza salina sopra la dorsale acida (fresco si, ma non vivace); il tono alcolico (13%) si fa minaccioso se la temperatura del vino supera i 14 °C, se scende sotto i 10 °C il gusto scivola nel metallico.  Un’adeguata e temperata situazione di beva lo rende gustativamente succoso, con un polposità fruttata che inonda il palato, lo insaporisce o lascia un lungo desiderio di beva. Non può essere considerato in vino “robusto”, ma la sua struttura riempie tutta la scolastica descrizione “di corpo”. È vino da carne bianca, da scaloppina ai carciofi e da coniglio disossato alle erbe aromatiche. Per gli appassionati delle verdure: parmigiana di melanzane.

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)