venerdì 12 maggio 2017 11:00:00

Si rinnova l’appuntamento con la Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio organizzata dall’Associazione Italiana Sommelier
con MIBACT, MIPAAF e RAI.


Sedi museali e archeologiche delle diverse regioni italiane, luoghi deputati alla divulgazione di arte e cultura, aprono le porte a un altro patrimonio nazionale di rilievo: il vino e l’olio. Artefice di questa iniziativa è l’Associazione Italiana Sommelier, che vede premiato il suo impegno dalla collaborazione intrapresa con i Ministeri delle Politiche Agricole e dei Beni Culturali, che hanno dato il patrocinio all'iniziativa, e con la RAI in qualità di main media partner e la Testata Giornalistica Regionale (TGR) quale media partner.

“Attraverso questa giornata intendiamo consolidare il rapporto tra le produzioni agricole di qualità e i luoghi da cui prendono vita” dichiara Antonello Maietta, Presidente nazionale dell’AIS. “Mi piace sempre ricordare che nel nostro Paese sono moltissimi i vigneti, gli oliveti o le aree coltivate su cui al tramonto si stagliano le ombre di un campanile, di un castello, di un edificio storico, o semplicemente di muretti a secco costruiti con fatica dalla mano dell’uomo. C’è un patrimonio di cultura da conoscere e comprendere, prima di tutto, che merita di essere valorizzato.”

Il tema di quest’anno, Vitigni e cultivar tradizionali: un’identità da preservare, un patrimonio da valorizzare, darà spunto agli interventi dei funzionari tecnici dell’Ispettorato Centrale Controllo Qualità e Repressione Frodi, accanto a quelli di esperti enoici, di archeologi e di studiosi che racconteranno lo stretto legame che intercorre tra arte, vino e olio.
Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia di Roma vedrà ospite il Vice Ministro delle Politiche Agricole Andrea Olivero, mentre il Direttore Generale ICQRF- Mipaaf, Oreste Gerini, sarà alla Villa Romana del Varignano di Porto Venere in Liguria.
"Questa iniziativa è un'occasione importante per riconoscere ed apprezzare gli elementi più significativi della nostra identità - ha dichiarato il Vice Ministro Andrea Olivero - il connubio tra prodotti agroalimentari straordinari, come vino e olio, e i rispettivi territori di provenienza  in grado di esprimere tradizioni e saperi tramandati per secoli fino a diventare parte integrante del nostro patrimonio. Da questa consapevolezza deve emergere la capacità di fare cultura, declinando i nostri prodotti di eccellenza in un unicum con arte e paesaggio".
Molti momenti diversi dunque, uniti nel segno della comunicazione e della divulgazione del patrimonio di eccellenza italiano. Gli eventi saranno ad accesso libero e gratuito.

 

Di seguito le sedi museali dove si svolgerà l’iniziativa:

Abruzzo

Museo Nazionale d’Abruzzo

L’Aquila

Basilicata

Castello Aragonese Pirro del Balzo

Venosa

Calabria

Museo Archeologico Nazionale

Reggio Calabria

Campania

Reggia di Caserta

Caserta

Friuli VG

Parco del Castello di Miramare

Trieste

Lazio

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Roma

Liguria

Villa Romana del Varignano

Porto Venere

Marche

Chiesa di Santo Spirito

Cingoli

Molise

Castello Monforte

Campobasso

Piemonte

Castello Cavour

Santena

Puglia

36° Stormo dell’Aeronautica Militare

Gioia del Colle

Sardegna

Museo Archeologico Nazionale

Cagliari

Sicilia

Oratorio dei Santi Elena e Costantino

Palermo

Toscana

Museo Nazionale del Bargello

Firenze

Umbria

Istituto tecnico agrario Ciuffelli

Todi

Veneto

Abbazia di Praglia

Teolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa AIS

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)