Statistiche

  • Interventi (1679)
  • Commenti (0)

Archivi

martedì 9 luglio 2013 15:30:00

Secondo i sessuologi se c’è qualcosa in grado di uccidere un bel rapporto tra due amanti è la noia. Spesso a nulla valgono baci, carezze e preliminari se non sono conditi con stravaganti complicità e spinte trasgressive. Tra le esperienze raccontate nelle sedute ha una certa ripetitività l’atto dello spalmare il corpo di panna, e chiaramente poi sorbirla tutta oralmente (non con la palettina da gelato) e un’altra spalmarlo con la cioccolata (versione nutella).

Il Sexual Chocolate di cui ci accingiamo a parlare non è del tutto attinente agli esperimenti di cui sopra perché è un vino rosso, e forse non si addice del tutto ai giochetti sex-funny alla panna e cioccolato.

Sexual Chocolate è una vera e propria dissacrazione enoica, non nel senso della qualità del vino ma della destinazione d’uso che non è consigliata con il cibo.

Sexual Chocolate è prodotto da Slo Down Wine, e gli “slow down” sono due intraprendenti ragazzotti che decisero otto anni fa di farsi una barrique di vino rosso, poi  vendettero le 300 bottiglie e crearono il brand. Oggi Sexual Chocolate raggiunge le 35.000 bottiglie.

Siamo a San Francisco, il vino proviene da Napa, Sonoma e Santa Barbara, è un blend di vecchie vigne di Zinfandel, che integra del Syrah (60%) e si completa con un 10% di Petit Syrah (chiamato anche Durif).

A detta dell’enologo Bo Silliman, tra l’altro soprannominatosi Cowboy Winemaker, ma di fatto Wynecologist, nonostante non sia maggioritario è lo Zinfandel ha dare carattere al vino, con un feeling saporifero e tattile che s’avvicina alla cioccolata che avvolge la ciliegia.

Sexual Chocolate non è vino da cibo, si abbina al meglio con la notte fonda, con gli amici e con una seconda bottiglia di Sexual.

Lo pubblicizzano come il vino dei rapporti border line, quasi bondage, ma consapevolmente condivisi e per niente off-limits.

È il vino di quei due ragazzi che hanno riportato a casa tua figlia a notte fonda: così va interpretata la loro filosofia.

  

 

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)