Statistiche

  • Interventi (1659)
  • Commenti (0)

Archivi

lunedì 12 novembre 2012 11:30:00

Chi sono i vignaioli indipendenti? È vignaiolo chi coltiva la sua vigna, vinifica la sua uva nella sua cantina,  alleva e imbottiglia il proprio vino, lo promuove e lo vende con il suo nome in etichetta e sotto la sua responsabilità resta l’intero ciclo produttivo, ciò include anche il rispetto del suo “terroir”, del suo ambiente; in caso di perfezionamento produttivo questo deve rispettare i principi della tradizione. Il vignaiolo è partecipe anche della vita non strettamente produttiva (cioè del fare vino), accoglie e  segue i visitatori e i clienti durante le visite e le degustazioni in azienda, partecipando alla presentazione di tutti quei prodotti che rappresentano il suo lavoro e fanno parte della sua cultura.
I vini di un vignaiolo devono offrirsi, al pari del vignaiolo, con una personalità autentica. Indipendente dal tipo di coltivazione praticata il vignaiolo ha come scopo il rispetto dell’ambiente dove vive e opera, questo include anche il valore culturale degli usi, delle tradizioni e dei costumi del territorio. Infine i vignaioli credono nella squadra,  nel fare squadra. Ciò è inteso non solo come un momento d’incontro e di dibattito su temi di carattere generale che investono tutta la categoria, ma anche come confronto di idee, di esperienze,  di problematiche: insomma, vogliono essere portatori, se necessario, anche di uno spirito critico molto costruttivo.
In Francia quest’associazione è attiva da anni e trova una visibilità, non solo con le iniziative politiche, ma anche con quelle commerciali, che si concretizzano con dei Salon de Vignerons nell’arco dell’anno: da Parigi a Nizza, da Bordeaux a Lyon. Qui i degustatori e i consumatori hanno la possibilità di incontrarli, parlare con loro, degustare i loro prodotti e infine acquistare i vini.
Da due anni in Italia ci sono i Vignaioli Indipendenti, raccolti sotto la sigla FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti). Aderiscono alla Federazione 600 vignaioli sparsi un tutte le regioni italiane. Anche loro, come i colleghi di Francia, organizzano il Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti: in quest’ambito è possibile parlare  e confrontarsi con loro, degustare i vini e acquistarli alla fonte, cioè direttamente.
Quest’anno il Mercato si terrà a Piacenza, nei padiglioni fieristici di Piacenza Expo, proprio all’uscita di Piacenza Sud sull’Autostrada A1, nei giorni di Sabato 1 e Domenica 2 dicembre.
Ci saranno 250 vignaioli provenienti da tutta Italia e anche alcuni ospiti francesi. I vini in degustazione saranno oltre 1.000.

L’Associazione Italiana Sommelier ha attivato una convenzione con la FIVI, e tutti i sommelier che vorranno recarsi al Mercato dei Vini, potranno usufruire dello sconto nel prezzo di ingresso (10 €, anziché 15) semplicemente mostrando la tessera associativa del 2012.
Per tutti gli operatori del settore AIS (ristoranti, alberghi, enoteche, wine bar, etc) sarà consentito un accredito come operatore tramite il sito www.mercatodeivini.it: il tutto da compiersi entro il 26 novembre.

 

Per saperne di più sulla manifestazione...

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)